Vulture : Una Viticoltura di Passione

Musto Carmelitano “Serra del Prete”

Il Vulture, per me, è passione pura oltre che rispetto e orgoglio per la mia Terra.

Durante il mio ultimo viaggio in Basilicata ho avuto la conferma che nel Vulture si fa il vino sempre più per passione.

Queste le cantine da me visitate :

Musto Carmelitano
Cantine del Notaio
Vigne Mastrodomenico
Eleano

Elisabetta Musto Carmelitano, titolare dell’omonima azienda sita in Maschito (PZ), mi porta in giro per i vigneti situati a Serra del Prete e Pian del Moro, tutti curati in modo maniacale.
Vigneti a conduzione biologica che esprimono nei vini lo sforzo e il lavoro condotto in vigna.

Musto Carmelitano “Pian del Moro”

Tra i vari assagi, interessanti le nuove annate 2010 di Serra del Prete e Pian del Moro che denotano ancora segni di gioventù e mancanza di affinamento, ma già esprimono profumi e persistenza di gran livello.

Con Gerardo Giuratrabocchetti, di Cantine del Notaio, ho fatto una lunga chiacchierata.
C’è una gran voglia di comunicare, di far conoscere questo vino….ovunque!
Bisogna partire tutti insieme valorizzando questa passione per il Vulture; c’è un tesoro, una grande professionalità e una grande passione di tutti i produttori da comunicare.
Lui ci crede…io anche!

Donato Mastrodomenico con la figlia Emanuela, di Vigne Mastrodomenico, mi portano nei loro 8 ettari di vigneto situati nel comune di Rapolla.

Vigne Mastrodomenico

Sentire parlare Donato dell’amore per la sua terra, di tutti i sacrifici fatti e con quanta convinzione ha “costruito” il suo sogno…non ha paragone!
Mi spiega in modo approfondito e mi fa toccare con mano i suoi vigneti illustrandomi caratteristiche e differenze di questo territorio.
Una piccola azienda che, tramite il supporto di Giuseppe (il figlio) ha anche investito sulla tecnologia scommettendo sulla tracciabilità della filiera attraverso il progetto “Farm to Fork

Stazione Meteo

Centralina

 

 

 

 

Incontro Alfredo Cordisco, dell’Azienda Eleano, nella nuova struttura di Ripacandida che è in fase di ultimazione.

Nuova cantina di Eleano

E’ stata organizzata seguendo la metodologia di una grande azienda, ma non dimenticando la cura della materia prima e prestando particolare attenzione alla semplicità nell’ effettuare tutte le operazioni di cantina e alla tutela dei lavoratori.
La cura e il lavoro in vigna, di Alfredo, si ritrovano negli assaggi dei suoi vini tutti molto interessanti.
Mi ha colpito molto Eleano 2011, assaggiato da botte, un vino a cui sarà destinata la DOCG. Giovanissimo, ma che brilla già ora in eleganza, frutto e struttura.
Ottimo e di gran eleganza Ambra 2011, sempre campione di botte, ottenuto da una Vendemmia Tardiva di Moscato. Al naso sentori intensi di salvia, frutta candita e miele che si ritrovano nell’assaggio fine ed elegante, di lunga persistenza e mai stucchevole.

Questi sono alcuni dei personaggi del Vulture che, insieme a molti altri, lavorano con passione per la loro Terra e che credono nell’ Aglianico del Vulture che deve essere comunicato e fatto conoscere sempre più!

Si deve fare, si può fare e ce la possiamo fare….

Questa voce è stata pubblicata in Degustazioni, Eventi e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...