Produttori, voi cosa fareste?

Vorrei capire…

E’ la vigilia di Capodanno e la sera avrò amici a cena, so che a loro piace il Barbaresco, quindi mi fiondo in cantina e tra le bottiglie trovo un Barbaresco di F.ll Cigliuti, Vigne Erte 2003 regalatomi qualche anno fa. “Ho fatto la scelta giusta!”, penso tra me e me.

Torno a casa, preparo il decanter, apro la bottiglia, con una sorta di emozione simile a quella di un bambino difronte ad uno dei suoi giochi preferiti, e appena avvicino il tappo, intatto, al naso resto stupito da un sentore intensissimo, appunto, di tappo!
Inizia la delusione, verso nel bicchiere e purtroppo anche il vino ha quello sgradevole sentore di tappo sia all’olfatto che al gusto. Peccato, ma insistente lascio la bottiglia aperta con l’intenzione di riassaggiare più tardi e vedere l’evolversi di quel terribile odore.
Dopo 1 ora buona  non è cambiato nulla e cerco di consolarmi pensando che comunque può capitare e ogni bottiglia è una sorpresa!
Cambio vino e mi sposto a Boca (NO) con Le Piane Boca 2004, sempre a base Nebbiolo, eccellente…ma questo è un altro discorso.

Decido di mandare una mail al produttore spiegando l’accaduto e chiedendo quale poteva essere la soluzione.

Ricevo una risposta che mi ha lasciato perplesso e di cui scrivo alcuni passi :

Purtroppo il tappo è sempre un dilemma. Noi spendiamo sempre di più nei
tappi in cerca della massima qualità, ma talvolta accade; il 3% non è
contestabile al fornitore. Quando una bottiglia sa di tappo appena
stappata, non migliora con i giorni, anzi l’ossigenazione fa si che anche
questo sentore si sviluppi ulteriormente.

Non ho più 2003, ma può trovare il 2008 Vigne Erte all’enoteca xy (nota enoteca di Torino di cui ometto il nome volontariamente)”

A questo punto vorrei sapere come vi sareste comportati soprattutto voi produttori.

E’ una risposta lecita che dovevo aspettarmi, oppure no?
Ho sbagliato io a mandare l’email non avendo acquistato direttamente dal produttore?

Vorrei capire…

Questa voce è stata pubblicata in Degustazioni, Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Produttori, voi cosa fareste?

  1. Luca ha detto:

    Purtroppo il tappo è un’incognita davvero.
    Anche la miglior venatura del sughero può giocare brutti scherzi, perciò mi trovo d’accordo sulla prima parte della risposta del produttore. Il discorso ossigenazione è opinabile, ma parzialmente vero anch’esso.
    Di qui in avanti è una questione di sensibilità: cambiare la bottiglia, non cambiarla, indicare dove acquistarla.
    Francamente non mi sentirei di condannare la mancata sostituzione, anche se probabilmente io avrei cercato di provvedere personalmente. A volte anche una singola bottiglia sbagliata può produrre grossi danni😀

    A presto Davide!

  2. Giuseppe Mastrodomenico ha detto:

    Una storia di sfiga, non c’è dubbio. La risposta che hai ricevuto – o almeno il suo estratto – è stata gentile e data l’educazione con cui sicuramente hai posto il problema io t’avrei invitato a ritirare una bottiglia direttamente in cantina (anche se di annata differente) data la non estrema lontananza. Insomma, mi sarei fidato.

  3. mauro ha detto:

    non esite una regola..come non esiste una garanzia…ma vale solo la regola del buon senso…su una bottiglia soprattuto di un certo valore…la sensibilità del produttore fa la differenza anche se non ha responsabilità, un lotto di sugheri difettosi può capitare a tutti, a me personalmente è successo una sola volta, e l ho sostituita, poi di li in poi sta al cliente capire il gesto del produttore…

  4. Michele Fino ha detto:

    Mi scuso perché a lezione avevo capito che il produttore le proponeva la sostituzione.
    E’ stato così o le ha gentilmente consigliato di comprare una nuova bottiglia? Perché in tal caso, sebbene ottenere il cambio forzoso sia durissima, di sicuro vale la pena di far sapere quanto è stato sensibile il produttore in questione.
    Cordiali saluti

  5. Preciso che la mia richiesta non voleva essere quella di cambio e la condanna della NON sostituzione. Personalmente ho apprezzato la prima parte della risposta, ma forse mi sarei aspettato una soluzione più “sensibile” invece di una semplice indicazione su dove trovare il prodotto.
    Forse a lezione mi sono spiegato male ma non mi è stata proprosta la sostituzione.
    Saluti.

  6. Gabriele Micozzi ha detto:

    Caro Davide credo che tu abbia perfettamente ragione : sarebbe stata un’ottima occasione per stupire un cliente.
    GabrieleMicozzi

    http://winehaiku.blogspot.com/
    http://officinamarketing.blogspot.com/

  7. Simona ha detto:

    La soddisfazione del cliente è sempre al primo posto. Non bisogna mai darla per scontato o non prestare ascolto ai suoi commenti, positivi o negativi che siano. Hai fatto benissimo a rivolgerti al produttore ed è normale aspettarsi una risposta diversa.

  8. primobicchiere ha detto:

    A me è capitato con “Il sigillo” Cantine del Notaio. http://primobicchiere.wordpress.com/2012/01/23/cantine-del-notaio-sigillo/
    Bevuta una 2005 che non mi aveva convinto. Ne ho scritto sul blog, in pochi giorni, senza che neanche li contattassi, me ne hanno spedita un’altra loro stessi. Mirabile disponibilità e cortesia. Chapeau!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...